“I Venerdì di NCG”: Mod.5 “Come passare dalle funzioni ai processi: la gestione per obiettivi”

Perché farlo:

Perché ragionare per obiettivi migliora l'efficienza organizzativa e responsabilizza tutti in modo coerente con le strategie

Esperto:

Alberto Mari

Durata:

35-45 minuti

Sede del corso:

Video registrazione liberamente disponibile sul canale youtube di NCG

“I Venerdì di NCG”

Mod.5 “Come passare dalle funzioni ai processi: la gestione per obiettivi”

I Venerdì di NCG sono incontri gratuiti con i nostri esperti, nei quali mettiamo a disposizione le nostre esperienze e metodologie. Ciascun modulo prevede poca teoria, esempi concreti di applicazioni svolte nelle aziende e condivisione di strumenti disponibili on line o forniti da noi sempre gratuitamente.

Questo modulo formativo permette di:

“Capire come passare dalla gestione per compiti a quella per obiettivi”:

  • per capire la centralità degli obiettivi
  • per responsabilizzare le persone sui risultati
  • per comprendere l’importanza della  attività come driver fondamentale
  • per definire i processi necessari e sviluppare il proprio modello organizzativo
  • per risparmiare tempi e costi
  • Per individuare piani di miglioramento

Il modulo serve alle aziende per capire come approcciare in modo concreto alla gestione per processi, una rivoluzione tanto logica e di buon senso quanto poco praticata.

I sistemi di gestione spingo molto su questo approccio, purtroppo le competenze e la disponibilità di esperienze condivise non rende semplice l’applicazione, in particolare nelle PMI.

Gestire per processi significa ragionare per obiettivi:

Si passa dalle funzioni e dai compiti “fai questo”…………

ai processi e gli obiettivi “fai in modo che si ottenga questo”.

Il modulo permette di:

  • Comprendere come affrontare il passaggio “culturale” necessario;
  • Vedere strumenti e approcci innovativi che rivoluzionano il modo di fare sistemi di gestione;
  • Verificare esempi pratici e tools per applicare subito l’approccio per processi.

I modelli che abbiamo sperimentato e che condivideremo sono velocemente applicabili, permettono di avere un quadro pratico e utile anche se meno analitico. Sono metodologie utilizzate da tempo, funzionano e ve lo faremo vedere.

Il modulo risponde alle seguenti domande:

Come si fa in una PMI a parlare di processi?
Quale è il quantitativo giusto di processi in azienda?
Come si possono far coincidere responsabilità di funzioni e di processi?
In che modo si coinvolgono i responsabili per cambiare approccio?

Sono domande che gli imprenditori e gli addetti ai lavori si pongono spesso ed è difficile rispondere in modo concreto senza imbarcarsi in progetti costosi e complessi.

Esiste un modo diverso?

Si, ed è lo scopo dell’incontro. Mostrare ai partecipanti approcci e strumenti che servono per  cambiare il paradigma del gestire “a spingere” invece che  “a tirare”.

In pratica:

–  Condivideremo un sistema, semplice e veloce, per definire un approccio per processi;
–  Spiegheremo le differenze tra i sistemi “classici” e il nuovo approccio
–  Mostreremo un caso d’uso completo di schemi e dettagli di processi aziendali;
–  Forniremo un tool in Excel per “allenarsi” sui concetti spiegati e creare le basi del proprio sistema dei processi

Per una maggior efficacia si consiglia di frequentare il modulo dopo aver seguito:

Per approfondimenti potete consultare i seguenti articoli:


Destinatari: Imprenditori, manager responsabili dell’organizzazione e controller, direzioni e responsabili qualità-sicurezza-ambiente.

Vedi tutti i "Venerdì di NCG" disponibili

Videoregistrazione dell'evento

Richiedi Slide e tools gratuiti

Sono interessato al materiale gratuito (slide e tools) dei seguenti "Venerdì di NCG": (richiesto)
Mod 1 “Diagnosi organizzativa e strategia d’impresa”Mod 2 “Identificare e misurare le attività”Mod 3 “Mappare e gestire le competenze”Mod 4 “Il piano di controllo organizzativo”Mod 5 “La gestione per obiettivi”Mod 6 “I cruscotti direzionali”Mod 7 “Prevenzione dei rischi di fornitura”Mod 8 “Il budget per PMI”Mod 9 “Interpretazione degli indicatori di crisi”